Neurochirurgia vertebro-midollare

a cura del Dr. Vincenzo Scaglione- Responsabile UOS Neurochirurgia vertebro-midollare

A.R.N.A.S. Ospedali Civico - Di Cristina - Benfratelli di Palermo

home   | Chi Siamo   |   Dove Siamo  |   Prenota una Visita   |   Contatti   |   Ospedale Civico-PA

  Artrosi vertebrale

  Cosa è ?
  Come Si Sviluppa ?
  Micro-instabilità vertebrale
  Stenosi del Canale
 

  Ernia discale

  Cosa è e Come Si Sviluppa ?
  Ernia Discale Cervicale
  Ernia Discale Lombare
  Artroprotesi Cervicale
 

  Neurochirurgia spinale

  Infezioni
  Metastasi
  Traumi
  Frattura da osteoporosi
  Siringomielia
  Spasticità
  Dolore Cronico Benigno

 

 

 

 

 

 

  Dolori Vertebrali

  Lombalgia
  Brachialgia e Sciatica
  Diagnosi delle Lombosciatalgie
  Lombalgia in Gravidanza
  Lombalgia e Posizione seduta

  Sesso e Schiena

 

  Chirurgia della Lombalgia

  Quale Chirurgia?
  Scaletta Terapeutica
  Fusione o Non-Fusione
  Stabilizzazione dinamica


 

  Neurochirurgia

  Neurochirurgia Spinale
  Neurochirurgia Funzionale
  Neuroendoscopia


 

 

Spondiliti e spondilodisciti

Si intendono con questi termini processi infiammatori che colpiscono:

  • corpo vertebrale (spondilite)

  • disco intervertebrale (discite)

  • corpo vertebrale e disco intervertebrale (spondilodiscite)

Le cause possono essere

  • infiammatorie (artrite reumatoide, artrite psoriasica, altre artriti infiammatorie)

  • infettive (brucellosi, salmonellosi, tubercolosi, ecc)

Le forme infiammatorie vengono trattate con terapia medica a base di farmaci anti-ifiammatori (FANS, cortisone ecc.). Nelle forme avanzate l'alterazione delle articolazioni può causare l'insorgenza di instabilità tra le vertebre con lussazione nonchè lo sviluppo di speroni ossei e ipertrofia delle faccette articolari con restringimento del canal vertebrale. In questi casi è indicata la terapia chirurgica che consiste in riduzione della lussazione, stabilizzazione vertberale e, qualora necessaria, decompressione del canale midollare.

Nelle forme infettive vengono usati antibiotici. L'estensione incontrollata o incontrollabile del processo infettivo può coorodere gravemente la vertebra fino al punto da determinare la frattura patologica della vertebra. Il pus sviluppatosi dal corpo vertebrale o dal disco intervertebrale può anche farsi strada nei tessuti che circondano la vertebra (ascesso paravertebrale) e colare per gravità lungo la colonna vertbrale (ascesso ossifluente) oppure penetrare all'interno del canale vertebrale (ascesso epidurale). In questo caso i pazienti possono presentare disturbi neurologici legati alla compressione midollare. Converrà, allora, procedere ad interventi di toilette chirurgica del focolaio infettivo, liberazione del canale midollare da pus o framenti ossei fratturativi che comprimono il midollo, stabilizzazione vertebrale.

 

torna alla pagina iniziale

ultima modifica 26.01.2014

 

Main Site Navigation:
Chi Siamo
   |  Dove Siamo   |   Prenota una Visita    Contatti   |   Ospedale Civico-PA

 Site Navigation:
Artrosi
   |   Ernia Discale   |   Neurochirurgia Spinale   |   Dolori del Rachide   |   Chirurgia della Lombalgia
Neurochirurgia Funzionale
  

© Copyright 2000 All Rights Reserved VSCAGLIO:COM