Menu

Cosa è ?

Come si Sviluppa

Micro-instabilità vertebrale

Stenosi del Canale

Condividi su Facebook  

 

Stenosi canalari

Con il termine di stenosi canalare, ossia restringimento del canale, si intendono quelle condizioni, nelle quali si realizza un restringimento del canale spinale o foraminale.
Il restringimento del canale spinale o foraminale al di sotto di un determinato diametro determina un conflitto con il suo contenuto, la radici nervose o il midollo spinale.


Il termine stenosi canalare è usato, abitualmente, quando le cause sono congenite, malformative, degenerative o metaboliche, anche se un restringimento del canale si verifica pure in condizioni infiammatorie, infettive, neoplastiche e traumatiche. Le forme più frequenti di stenosi sono quelle su base artrosica e congenito/artrosica.


I principali disturbi accusati dal paziente dipendono dal tratto di colonna interessato dal restringimento; in genere si sviluppano lentamente nel corso di alcuni mesi:

La diagnosi viene fatta sulla scorta della TAC e RMN. L'esame elettromiografico serve per escludere alcune malattie degenrative del sistema nervoso (p.e. la sclerosi laterale amiotrofica) che hanno un quadro clinico di esordio simile alle stenosi canalari cervicali e dorsali. Le terapia è chirurgica e consiste nell'allargare il canale spinale ristretto in modo da dare spazio sufficiente al suo contenuto. Nelle forme su base artrosica degenerativa in fase iniziale la terapia è diretta verso la microinstabilità secondaria alla disidratazione del nucleo polposo. Nelle altre forme di stenosi l'intervento consiste nella decompressione del canale, classicamente la foraminotomia o laminectomia associata al trattamento di eventuali instabilità associate.
In base ai criteri della minimal invasive surgery a livello cervicale si preferisce la laminotomia "open door" o, in casi particolari, la somatectomia multilivello.


A livello dorsale e lombare sono stati proposti interventi che salvano parte delle lamine e i processi spinosi assieme ai loro ligamenti nel proposito di ridurre al minimo il rischio di instabilità derivante da estesi interventi demolitivi.

 

La prognosi per quanto riguarda la ripresa funzionale è nel complesso favorevole (arresto del peggioramento neurologico o ripresa neurologica e guarigione). Si è visto, che il risultato utile ottenibile è inversamente proporzionale alla durata e gravità dei disturbi pre-operatori. Tuttavia, nelle malattie degenerative evolutive, come l'artrosi, un certo numero di pazienti presenta recidiva a distanza di anni.

Condividi su Facebook  


"Invecchiamento del rachide lombare e lombalgia" | Accedi..

"Chirurgia della lombalgia degenerativa" | Accedi..





L'informazione e' fornita soltanto per motivi di educazione sanitaria e non costituisce un servizio di consulenza medica. Persone non mediche dovranno rivedere, interpretare e applicare le infomazioni qui contenute con l'ausilio e la guida di personale professionale appropriato.